domenica 7 luglio 2013

Intervista a Pietro Recupero, autore di "Il fantastico viaggio di Joseph"

Pietro Recupero, oggi ospite del blog, è l'autore di "Il Fantastico viaggio di Joseph" (Booksprint edizioni), un libro per tutti e per tutte le stagioni:

Quello che Joseph riceve è un regalo di compleanno insolito perché: “l’uomo non crede più nelle favole, e i suoi figli non giocano più come una volta, hanno quelle scatole con giochi violenti che hanno distrutto la loro fantasia”. Scopo è dunque, una provocatoria contro tendenza il cui intento è riportare a quella ingenuità troppo lacerata dall’uomo, diventato “avaro e cieco”.



Salve, Pietro. Parlaci un po' di te, prima di tutto.

Mi chiamo Pietro Recupero, ho 47 anni e sono sposato da 23 anni, ho due Figli. Mia Moglie si chiama Vincenza, io però la chiamo Enzuccia, mia figlia si chiama Alba, e mio figlio Joseph. Sono nato a Catania, ma vivo a Bronte in provincia di Catania, (Bronte è Famoso per i suoi Pistacchi, e per la Rivolta del 1860) praticamente dal giorno che sono nato. I miei Genitori, non erano di Bronte, ma mio Padre lavorava qui e quindi sono cresciuto in questo paese, dove ho frequentato la scuola, dalla prima elementare fino al primo anno di Ragioneria, che è stato il mio unico anno di scuola superiore, infatti all'inizio del secondo anno, mio Padre improvvisamente venne a mancare. Dunque, orfano andai subito a lavorare, per mandare avanti la famiglia, mia madre infatti non lavorava per problemi di salute, e i miei fratelli erano più piccoli di me. Sono un tipo socievole e allegro, sia quando lavoro che quando sto in compagnia, amo stare in mezzo alla gente, ma sono anche uno che ha un suo mondo a parte e che quando ci entra, non vuole che ci sia qualcuno che lo faccia uscire, sennò diventa irascibile!
Nel 1996, ho pubblicato il mio Primo Libro "Il Giardino dell'Amore" Favole, poco meno di tremila copie vendute!

Cosa ti piace scrivere e come hai iniziato ad alimentare questa passione?

Mi piace scrivere favole e racconti Fantasy, ma scrivo anche drammi, che sono purtroppo attuali, che però non penso di pubblicare al momento. Poi ci sono le poesie.
Ho iniziato a scrivere all'età di undici anni, dopo aver letto un libro che mi appassionò tanto, (Le avventure di Davy Crockett) regalatomi dai miei compagni di scuola il giorno che vennero a trovarmi all'ospedale, perché vittima di un'incidente stradale! Scrissi qualche piccolo racconto, tre o quattro, che però non ho più trovato perché li davo da leggere ai miei compagni e loro non me li ritornarono. Scrivevo anche le poesie, le dedicavo ad una mia compagnetta, di cui mi ero invaghito: a quell'età ci si innamora facilmente, purtroppo non ero ricambiato. I miei compagni però, leggendo le poesie, le vollero per darle a loro volta alle loro "amorose", così mi ritrovai a scrivere poesie su commissione.
Il giorno che morì mio padre scrissi una Poesia (A Mio Padre); da quel giorno iniziai a raccoglierle tutte (un centinaio, più o meno): alcune le hanno pubblicate nel mensile della Pro Loco. A quindici anni ho scritto anche un racconto che ho riletto qualche anno fa e che mi è sembrato infantile, ma molto bello, spero di pubblicare anche quello. Pensa l'ho scritto con la macchia da scrivere su fogli di quaderno.

Quali sono i tuoi autori preferiti?

I miei Autori preferiti sono... Oscar Wilde, ho scritto "il giardino Dell'Amore" ispirandomi a "Il Principe Felice", Edgar Allan Poe, August Strindberg, Giovanni Pascoli, di cui leggendo "Il Faciullino" ne sono rimasto estasiato, rivedendomi in pieno nel  personaggio, Paulo Coelho, e per finire Andrea Camilleri!

Parliamo del tuo libro: Come hai iniziato a scriverlo, cosa ti ha ispirato e, soprattutto, di cosa si tratta?

Il Libro che ho pubblicato a Gennaio, il cui titolo è "Il Fantastico Viaggio d Joseph (il Sagittario e l'Unicorno), nasce da un particolare che mi ha sempre colpito nell'immaginario e cioè il fatto che in qualunque stagione, la camera dei miei figli, è "invasa" dalla luna. Voglio dire che è come se la luna vi entrasse da quando si alza nel cielo, a quando muore dietro i monti che circondano il mio paese. Poi ci sono i disegni che ho fatto alle pareti della camera, che colpiti dalla luce della luna, sembrano vivi e infine c'è mio figlio. Infatti mentre io iniziavo a scrivere questo racconto Fantasy, egli iniziò il suo primo anno di scuola media, e quando tornava a casa, mi parlava sempre delle avventure di Ulisse! Bene... mi venne in mente, che anch'io alla sua età, ero appassionato dell'Odissea, così presi spunto dai personaggi della mitologia greca, e il Romanzo iniziò a prendere corpo e ad avere anche un'anima, che è appunto quella di Joseph. Il libro l'ho proprio dedicato a mio figlio per questi particolari, dando appunto al personaggio, il suo stesso nome!
Il Romanzo, racconta di un ragazzo che per il suo quattordicesimo compleanno riceve in regalo un telescopio al posto delle solite play station. Joseph non resta deluso, per non avere avuto la play, al contrario si appassiona all'astronomia. Ma, Joseph ha anche una fervida immaginazione trasmessagli dal padre, che ama ancora raccontare le favole, e che ha scritto per loro una ninnananna, quindi Joseph vede le stelle che cominciano ad animarsi, e chiedere il suo aiuto, per cercare il corno di Pegaso, che staccatosi dalla sua fronte a causa di una freccia scagliata dal Sagittario, si perde nel vuoto dell'Universo.
Joseph nel suo Viaggio, incontra Selene, Apollo, Ermes, Curiosi folletti che gli fanno dono della Bacchetta magica di Merlino, uomini pipistrello e altri personaggi mitologici, fino ad arrivare a Lokhi, il mago cattivo che si ciba del cervello degli uomini per acquisirne l'intelletto e che vuole diventare il padrone dell'universo!


Qual è il personaggio creato da te che più ti piace? E qual è il personaggio che ti rispecchia di più?

Joseph naturalmente è il personaggio che mi piace di più, mi rispecchio però nel padre, anche se non ha un vero e proprio ruolo in tutto il racconto, diciamo solo una breve apparizione. Il personaggio che invece penso più simpatico, è Chiacchierino, un pappagallo che non smette mai di dire battute simpatiche.

Hai intenzione di scrivere altro?

Di questo romanzo sto facendo una Trilogia e il secondo è quasi pronto per andare in stampa. La casa editrice aspetta il mio "sta bene", mentre già sto scrivendo il terzo. In ognuno dei racconti ci sono nuovi personaggi e nuovi ragazzi che saranno compagni di viaggio di Joseph. Al momento non voglio dire altro per scaramanzia, solo che il titolo del secondo è: Il Fantastico Viaggio di Joseph (L'Anello di Sonny)

Oltre alla scrittura e alla lettura, quali sono le tue passioni?

La passione per la Famiglia! Una volta avevo anche la passione per il calcio, ma è scemata col tempo a causa degli intrighi in cui viene coinvolto!

Dai un consiglio agli scrittori esordienti.

Consiglio agli Esordienti, di tenere duro e avere fiducia nei propri mezzi, soprattutto di non stare ad ascoltare chi per gelosia li prende in giro!

Grazie per il tuo tempo Pietro. Ora, facci un saluto.

Saluto tutti quelli che leggeranno quest'intervista, per cui sono grato ad Alex Coman, che ha voluto menzionarmi. Un saluto particolare anche a Domenico Dentici, che presto pubblicherà il suo Primo libro "Il Diario di Milly".
A presto...dal Vostro Pietro Recupero :D Ciao ciao

"Il Fantastico viaggio di Joseph" è disponibile online e in libreria. Puoi visualizzare il cartaceo a questo link: http://www.booksprintedizioni.it/libro/Romanzo/il-fantastico-viaggio-di-joseph
Oppure la versione in ebook qui:


 

Nessun commento:

Posta un commento

Sii sociale e lascia un commento: un parere, un consiglio, una critica (costruttiva).